V rassegna cinematografica all’aperto

 

 

 

Come negli anni scorsi,  per consentire a cittadini e turisti alcune serate all’aperto, ci stiamo attrezzando nell’accogliente Auditorium di Santa Vittoria, per la proiezione gratuita di una serie di pellicole … rilassanti e, speriamo, divertenti.

Con i tempi che corrono riteniamo di averne tutti necessità !

Questo il programma per il mese di luglio:

 

 

LA TEORIA DEL VOLO – MARTEDI 9 LUGLIO 2013 – ore 21,15

Jane è una disabile inchiodata su una sedia a rotelle da una malattia neurologica. Scontrosa e cinica, Jane trova la serenità solo quando piomba nella sua vita il pittore fallito Richard, a causa della sua passione per il volo. Prostrato da crisi esistenziale, l’uomo si è gettato dal tetto di un museo londinese con un deltaplano fatto con le sue tele. Condannato a un anno di servizio civile, abbandonata città e fidanzata, Richard si dedica alla passione per il volo e, obbligato dalla legge, all’assistenza di Jane.

WELCOME – MARTEDI 16 LUGLIO 2013 – ore 21,15

  La vicenda tragica del piccolo Bilal si ripete, più o meno simile, ogni giorno sulle coste più meridionali dell’Europa, perché tutti i governi si sono affrettati a darsi leggi sufficientemente restrittive e disumane per tranquillizzare le pavide coscienze dei nostri pavidissimi concittadini. Il fatto è che voltarci dall’altra parte per non vedere gli orrori che si affollano alle nostre porte ci rende ogni giorno più duri e incapaci di “compassione”, nell’etimologico significato del patire insieme, e perciò ci priva ogni giorno di quell’umana pietà che è rispetto per il nostro prossimo più debole e meno fortunato. Degli stranieri, ormai cogliamo sempre più solo un’identità indistinta, in cui si mescolano buoni e meno buoni, perché tutti ci paiono insidiare le nostre certezze, il nostro benessere, la tranquillità della nostra vita privata. Ben vengano, perciò, film che, come questo, costruiscono non una storia di immigrazione, ma la personale vicenda di un immigrato, che ha, come giovane, sogni e desideri simili a quelli dei suoi coetanei europei. L’individuazione, che è propria dell’arte, ci dà nella figura di Bilal, un’ immagine assolutamente e profondamente vera del dolore e delle sofferenze che ogni migrante porta con sé, perché l’unicità di ogni singolo individuo è anche unicità della individuale sensibilità, che non può sopportare a lungo di essere umiliata, ferita, offesa nella dignità.  Il “folle volo” di Bilal, che a costo della vita attraverserà a nuoto la Manica, ci dice che anche un giovane e sconosciuto curdo è capace di amare fino al sacrificio di sé, poiché esistono in tutti, quindi anche nei “diversi”, quei sentimenti di tenerezza e di dedizione di cui i giovani sono capaci.
I pochi che hanno questa capacità di comprendere e di dare concretamente la loro solidarietà, nel film come nella realtà di ogni giorno, vengono perseguitati dalle leggi e perciò dalla polizia, isolati dai colleghi di lavoro e dai vicini di casa, quegli stessi che sullo zerbino d’ingresso del loro pulito e tranquillo appartamento hanno la scritta “Welcome”!
Il film è molto bello, essenziale nella sua denuncia, tenerissimo nella descrizione del rapporto di Bilal col suo maestro di nuoto, privo di enfasi retorica. Efficace l’interpretazione degli attori, superba quella di Lindon

NON CI POSSO CREDERE – MARTEDI 23 LUGLIO 2013 – ore 21,15

Alessandro (Stefano Accorsi) insegna musica in una scuola di Strasburgo e divide casa con Irina, la figlia quindicenne, e con il fratello Luigi (Neri Marcorè), soprannominato Crampone, un mezzo anarchico che continua a chiedere lo status di rifugiato politico da quando in Italia è al potere Berlusconi. Il professore, che ha messo da parte le sue esigenze sentimentali per crescere la figlia, si ritroverà a scoprire un mondo tutto nuovo e a rivalutare le proprie scelte quando Irina si innamorerà per la prima volta di un ragazzo della sua età.

I PRIMI DELLA LISTA – MARTEDI 30 LUGLIO 2013 – ore 21,15

Pisa, giugno del 1970. Invece di prepararsi per l’esame di maturità, Renzo Lulli e Fabio Gismondi si recano per un provino con la chitarra a casa di Pino Masi, cantautore ben inserito all’interno dell’ambiente della contestazione. Mentre i due studenti stanno eseguendo la “Ballata del Pinelli” davanti a quello che per loro è un leader indiscusso, arriva – segretissima – la notizia di un golpe. Masi ha le idee chiare: senza perdere un attimo di tempo, bisogna andarsene fuori città, forse raggiungere il confine, espatriare, perché quando il colpo di stato avrà luogo, i musicisti, gli scrittori e gli intellettuali saranno i primi della lista.
Tratto da vicende realmente accadute, il primo lungometraggio di Roan Johnson è un vivo racconto di viaggio pieno di spirito e affetto, la divertente fotografia di un periodo caldo della nostra storia recente ormai lontano e idealizzato. In seguito ad alcuni filmati di repertorio che fanno il punto sulla strategia della tensione, si attivano i risaputi meccanismi di una commedia tipicamente italiana in punta tra tenerezza, azzeccati momenti di buffoneria e tocco nostalgico: a reggere tutta l’intelaiatura del copione, del resto, è ancora il vecchio e collaudato tema dell’equivoco. Più volte, durante la visione, ci si chiede fino a che punto sia possibile ridere; la paranoia di Masi – che vede complotti ovunque e scambia per i preparativi di una nuova presa del potere una colonna di blindati dell’esercito in marcia per la parata del 2 giugno – è poi così ingiustificata? A instillare il dubbio di una lettura più profonda e capace di raggelare in un attimo il sorriso è la didascalia che informa sul tentativo di golpe ad opera di Junio Valerio Borghese avvenuto nel dicembre dello stesso anno in cui ebbero luogo gli eventi raccontati. Benché alla fine della pellicola, al pari di molti altri esempi del nostro cinema, il personaggio di Claudio Santamaria venga sbugiardato come millantatore, basta una cicatrice sul petto per riabilitarne, almeno in parte, la statura mitica. Nello spirito picaresco e scanzonato che ben illustra la foga e l’impeto della gioventù, non solo di allora, funzionano bene i tre affiatati attori principali con Francesco Turbanti e Paolo Cioni al loro esordio su grande schermo. Prima dei titoli di coda, mentre eseguono “Quello che non ho” di Fabrizio De André, come omaggio al grande cantautore e alla passione del periodo storico rappresentato, i tre interpreti incontrano i veri Lulli, inoltre autore del soggetto, Gismondi e Masi, che li aiuta alla chitarra.

BUON DIVERTIMENTO !!