INVITO ALLA LETTURA

 

gaite

 

Carmen Martín Gaite 

Salamanca 8 dicembre 1925 – Madrid 22 luglio 2000, è stata una scrittrice, attrice teatrale e giornalista spagnola rappresentante della cosiddetta generazione del ’50.

Vi consiglio questa lettura che io qualche giorno fa ho scoperto, riordinando gli scaffali della nostra biblioteca.

La storia di una donna che, a cinquant’anni, ritrova un’amica d’infanzia con cui ricostruisce la sua giovinezza, gli amori, le passioni…

Paola Paroglio

Che fantastica sorpresa, ritrovare l’amica del cuore dell’adolescenza: quella che è stata complice dei sogni amorosi e delle scoperte intellettuali, delle prime trasgressioni e delle più cocenti delusioni… Quella stessa che nell’età adulta ti offre la possibilità di reinventare la vita,  salvando i rapporti e le cose che davvero hanno retto all’urto degli anni e ai colpi del destino… Mariana ha tracciato per se una brillante ma solitaria carriera di psicanalista, mentre Sofia è moglie di un ambizioso e distratto uomo d’affari e madre di tre figli ormai grandi; entrambe attraversano un periodo segnato da fallimenti e dolorosi distacchi e decidono di scriversi, per riaprire  il dialogo interrotto da decenni e per riflettere insieme sugli errori passati e i dubbi del presente. Sofia ritrova la propria fantasia letteraria e dà sfogo alla passione creativa per le parole, contro le convenzioni. Mariana, dal canto suo, riesce a lanciare una rete di pensieri e sentimenti sui vuoti interiori. Complici e acute, lucide e spirito anche nei momenti di sconforto, le due eroine di Carmen Martln Gaite esprimono tutta la Il nuvolosità variabile” dell’animo femminile nella precarietà del mondo odierno.

Sono infatti proprio i pensieri e le parole delle due donne la vera ricchezza di questo romanzo